LE MIE VACANZE YEAH YEAH YEAH!!

giugno 29, 2014

C’è qualcosa che mi sfugge sulle vacanze.
Devo ricapitolare le cose per cercare di capire.

Sono in vacanza come era in vacanza Napoleone,  lui all'Isola d’Elba, io a Pescia Romana (anche se ho i miei dubbi legittimi che lui pulisse cessi e lavasse piatti).
Pescia Romana, per gli amici Pescia, è un ridente paesino di 5 anime 5, nel bel mezzo tra Orbetello e Tarquinia… Note località di villeggiatura piene di attrazioni turistiche e cose da fare. La messa delle 11 della domenica è tra le attività più eccitanti, subito dopo la fiera del trattore e la sagra della lumaca. Yeah!
Siamo arrivati di venerdì, e Gianni è ripartito la domenica sera per tornare in ufficio, dandosi il cambio con mia mamma (perché IoQuiDaSolaMancoMorta) fino al venerdì sera successivo diventato poi sabato mattina. Sabato mattina in cui finalmente la famiglia Travagliazzi riunita può iniziare sorridendo la seconda settimana di vacanza. Yeah!
Premessa, nei giorni già trascorsi il tempo ci ha concesso 2 mezze giornate di sole con mare accettabilmente mosso, perché non a caso qui il lungomare si chiama Costa Selvaggia ed i cavalloni sono all’ordine del giorno. Una nota positiva per l’acqua pulita, ma solo per quello perché è sempre gelida ed in quanto a colore, beh, è degno della Riviera Romagnola ma senza movida. Insomma con l’acqua alla caviglia i piedi non si vedono. Yeah!
Ieri sera siamo andati a cena fuori, chiudendo in bellezza un sabato abbastanza rilassante.. peccato solo per quel vento freddo che entrava dalla finestra alle spalle di Gianni mentre cenavamo..
Stamattina, sveglia alle 8 con il solito calcio rotante in faccia di Timothy che era nel lettone dalle 5am e Gianni mi dice la frase che una donna non vorrebbe MAI sentirsi dire:

“questa mattina sono proprio scassato, mi fa male tutto, ho pure mal di testa e mal di gola”

che riassumendo significa 39 di febbre.
In vacanza.
Di domenica.
A Pescia.

Dai però c’è il sole è una bella giornata.
Prima cosa da fare CAFFE', e meno male che non ho superalcolici perché altrimenti sarebbe stato caffè corretto.
Dopodichè in ordine e velocemente: lavati, vestiti, prendi Timothy, lavalo, vestilo, colazionalo, caricalo in macchina, arriva in farmacia, scarica passeggino, scarica timothy dormiente, farmacia chiusa, ricarica timothy dormiente, chiudi passeggino, arriva alla farmacia al paese a 10 km, scarica timothy dormiente, scarica passeggino, tachipirina per favore, 1000? non c’è tipo 5000? no, ok allora 1000, carica Timothy sveglio, carica passeggino, supermercato, scarica Timothy, scarica passeggino, pomodori pane pastina e birra, ci vuole della birra, carica Timothy, carica passeggino, carica spesa, 10 km, scarica Timothy, scarica passeggino, scarica spesa, dai tachipirima a moribondo, metti Timothy a giocare nel prato, prepara 5 litri di brodo, cambia pannolino urgentemente, prepara pappa Timothy che nel frattempo si è stufato di stare nel prato da solo e sta regalando un delizioso concerto a tutto il vicinato, pappa pronta si mangia, finito tutto solo dopo aver dato sfoggio delle mie doti canore con tutto il repertorio zecchino d’oro 1985/86 (proprio fortunelli questi vicini), riappoggia Timothy da qualche parte, cuoci pastina per moribondo con il brodo di prima, aspetta che finisce e sbaracca tutto, mangia un avanzo di pasta fredda scordato in frigo, metti a dormire Timothy che non è molto d’accordo, 20 minuti di sceneggiata napoletana lacrimosa, ninna. Anche Moribondo dorme. Piatti da lavare, sticazzi li faccio dopo. Siediti e respira.
Ed ora? Tantovale mettersi a prendere il sole in giardino.. esci fuori ed è arrivata la bufera. Akmanahallà akmanahalla. Yeah!

Ora è pomeriggio, Moribondo moribondeggia, Timothy è sveglio, con le pile atomiche ricaricate e mi guarda così:

timothy_furbetto

Che facciamo? che facciamo? che facciamo?
Merenda amore..
e poi? e poi? e poi?
Giochi un po’ da solo?

“timothy_gioca

e poi?
e poi mamma ti fa il bagnetto, ti asciuga, ti veste, lava i piatti del pranzo, prepara la cena per te, per Moribondo, per Mr.Smith, per se stessa, rilava i piatti, va a buttare la spazzatura, ti mette a dormire, si fa una doccia e poi forse, forse, questa giornata di vacanza è finita.
W le vacanze.
W Costa Selvaggia.
Yeah!
S.

You Might Also Like

11 commenti

  1. Cavoliiii....ho letto la parte di sequenza molto veloce...per mettermi nei tuoi panni...<3 ti mando un grosso un bacione!

    RispondiElimina
  2. TI STIMO!!!!!!
    ihihihihihihihihi

    RispondiElimina
  3. Che incuboooooo!!!
    L'unica cosa che ti ripaga sono quei due occhioni dolcissimi che ti guardano :-)

    RispondiElimina
  4. Sei un mito!cmq ho ricordi di giornate altrettanto deliziose...

    RispondiElimina
  5. L'ho sempre pensato di essere nata dalla parte sbagliata del cielo...ed ora ne sono pienamente convinta.essere donna non ha vantaggi e questa giornata ne é la prova! Però c'è sempre quel momento in cui guardando tuo figlio ti sciogli, ma c'è anche quel momento in cui guardando tuo marito dici:ma chi ce la fatto fare?!?"...ed io sono pure recidiva! Per inciso la secondogenita si chiama Allegra e nome non fu più azzeccatto, inizio a pensare che Mansueta sarebbe stato meglio

    RispondiElimina
  6. Questo resoconto mi ricorda qualcosa....Vediamo un po'?
    Ahhhhhh..... si ! Le mie "vacanze" negli ultimi 10 anni. Pero' mi basta vedere le mie bimbe felici per strapparmi un sorriso, mentre lavo i piatti o stendo il bucato, ovvio !
    Anna

    RispondiElimina
  7. come ti capisco.. però ha ragione Pam, guarda quegli occhioni stupendi e immergiti nel suo amore per te..

    RispondiElimina
  8. cara pensa che ne ho 3 ....fatti forza.....

    RispondiElimina
  9. ...c'è un posto vacante all'APT di Pescia. Ti va? :P
    Leggendo il tuo racconto, pareva di sentire mia mamma, quando tutti e 4 (io, il mio fratellino, mamy e papy) si partiva per le tanto desiderate vacanze d'estate. Dove? Nella casetta vicino ai nonni, In un paesino di 60 abitanti, in prov di Chieti. Dove mia mamma porella, lavava a mano anche i pannolini, i piatti, lavava noi con l'acqua fredda e nelle giornate fresche d'estate la nonna ci portava lo scaldino di brace per il legno e si dormiva con le calze. Stesso posto, neanche stesso mare, perchè quello era lontano 30 Km, tanti animali della nonna però. Io vedevo tutto con gli occhi da bambina, tutto era divertente, bastava passare tutta la giornata fuori casa a sbucciarsi le ginocchia e far casino. Tutto questo per 18 anni... poi ho iniziato a scoprire che c'era altro da vedere altrove. Mia mamma forse si divertiva un pochino meno. Ma cosa non si fa per i figli? :D
    (ma quanto è bello il tuo ometto???)

    RispondiElimina
  10. Come Anna...le mie vacanze degli ultimi 5 anni!
    ahahaha tutto regolare!!

    RispondiElimina
  11. moltiplica il tutto per 2... le mie vacanze.... mah... e qlc mi ripete che rimpiangeremo questi momenti.... mavala'!!!!!!! BUONE vACANZE!!!!

    RispondiElimina

Mr. Smith

PitaPata Dog tickers

Flickr Images